Cerca nel sito

Ricerca personalizzata

Servizi Telematici Agenzia Entrate

Servizi Telematici: il mezzo piĆ¹ sicuro, rapido ed efficiente per mettersi in contatto con l'Agenzia delle Entrate ed effettuare online i propri adempimenti tributari (presentazione di dichiarazioni, pagamenti d'imposta, registrazione di contratti di locazione, ecc.), consultare il proprio "cassetto fiscale" e molto altro ancora.

Entratel, Fisconline, Siatel i principali servizi predisposti dall'Agenzia delle Entrate per facilitare gli adempimenti e le comunicazioni fiscali.

Entratel - Fisconline - Siatel

Servizi online

I canali per fruire dei servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate sono attualmente i seguenti:

,
I servizi Entratel e Fisconline sono accessibili via internet all'indirizzo http://telematici.agenziaentrate.gov.it.

ENTRATEL

canale "Entratel" è riservato:

Per registrarsi ad Entratel, si accede alla sezione "Se non sei ancora registrato ai servizi" del sito web dedicato ai Servizi Telematici; successivamente occorre selezionare il link "Richiesta di pre-iscrizione ad Entratel e modelli di domanda per l'abilitazione"

A questo punto occorre:

  1. effettuare la pre-iscrizione, utilizzando l'apposita funzione in base alla tipologia di soggetto richiedente (persona fisica oppure soggetto diverso da persona fisica, ovvero società, enti, pubbliche amministrazioni, CAF, studi professionali, eccetera);
  2. stampare l'attestazione conseguente alla pre-iscrizione mediante la funzione "Stampa allegato per ufficio";
  3. compilare e firmare il modello cartaceo per richiedere l'abilitazione al servizio;
  4. presentare, o spedire per posta o tramite fax, il suddetto modello ad un qualsiasi ufficio dell'Agenzia operante nella regione in cui ricade il domicilio fiscale dell'interessato, unitamente all'attestazione di cui al punto 2 e agli altri eventuali allegati necessari.

Le persone non fisiche (enti, società, pubbliche amministrazioni, studi professionali, eccetera) effettua-
no l'invio telematico delle dichiarazioni e degli altri documenti in formato elettronico tramite persone fisiche appositamente designate, definite "Gestori Incaricati" o "Operatori Incaricati", a seconda del ruolo che sono chiamate a svolgere, espressamente incaricate ad operare in nome e per conto della società o dell'ente.

Il rappresentante legale o negoziale della Persona Non Fisica (PNF) ha il compito di individuare i Gestori Incaricati, i quali, a loro volta, hanno il compito di gestire l'elenco degli operatori incaricati che sono autorizzati ad utilizzare i servizi telematici in nome e per conto della società o dell'ente.

ATTENZIONE. Per operare in nome e per conto della Persona Non Fisica, i "gestori incaricati" e gli "operatori incaricati" devono essere in possesso ciascuno di una personale abilitazione ai canali Entratel o Fisconline (a seconda dei requisiti posseduti).

Per informazioni di dettaglio sulle modalità di individuazione dei "Gestori Incaricati" e degli "Operatori Incaricati", si rinvia alla consultazione del sito dedicato ai servizi telematici dell'Agenzia e al sito
http://assistenza.finanze.it.

FISCONLINE

Fisconline è il servizio dedicato:

Grazie a questo servizio, i contribuenti effettuano autonomamente on line i principali adempimenti fiscali (presentazione delle dichiarazioni, pagamento delle imposte, registrazione dei contratti di locazione, consultazione dei propri dati anagrafici e reddituali).

Per accedere ai servizi tramite il canale Fisconline, è necessario essere in possesso del codice PIN.

ANNUARIO DEL CONTRIBUENTE 201

"Civis" anche per gli utenti di Fisconline

Tutti i contribuenti registrati al servizio telematico Fisconline, compresi i cittadini italiani residenti all'estero, possono utilizzare "Civis", la piattaforma telematica avviata nel corso del 2009 in via sperimentale e solo per gli intermediari.

Civis è il nuovo servizio dell'Agenzia delle Entrate che nasce con l'obiettivo di consentire agli intermediari, direttamente attraverso il canale telematico Entratel, di richiedere assistenza sulle comunicazioni di irregolarità derivanti dal controllo delle dichiarazioni dei redditi.

Dopo la fase di prova e il superamento del test di affidabilità, la procedura è passata a regime dal mese di gennaio 2010 per i professionisti e dai primi giorni di maggio per tutti gli utenti di Fisconline.

Come funziona Civis

Per utilizzare Civis è sufficiente accedere a Fisconline e compilare l'apposito formulario. L'operatore di uno degli uffici dell'Agenzia prenderà in carico la richiesta di assistenza e seguirà la pratica fino alla sua definizione.

Ricevuta la comunicazione di irregolarità, attraverso Civis il contribuente può accedere a un'area riservata in cui scegliere tra una serie di opzioni predefinite. Per esempio, se gli viene comunicato che non risulta effettuato un determinato versamento d'imposta, egli potrà indicare che il pagamento è stato eseguito oppure che per lo stesso si è ricorso al ravvedimento operoso.

Le comunicazioni che arriveranno attraverso Fisconline riguarderanno, per il momento, le dichiarazioni presentate negli anni 2008 e 2009 (per i periodi d'imposta 2007 e 2008).

IL CODICE PIN

Il codice PIN è il codice identificativo personale, formato da dieci cifre, che consente di usufruire dei servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate erogati mediante il canale Fisconline.

La richiesta di attribuzione del PIN può essere effettuata in tre modi:

  1. via Internet: il richiedente si connette al sito http://telematici.agenziaentrate.gov.it e clicca sulla voce "Se non sei ancora registrato ai servizi". Il sistema propone una semplice scheda elettronica che deve essere compilata con i dati richiesti e, dopo aver eseguito alcuni controlli, fornisce subito le prime 4 cifre delle dieci che compongono il codice PIN. Entro pochi giorni dalla richiesta, il contribuente riceve tramite il servizio postale, al proprio domicilio, le restanti sei cifre e una password. In caso di mancato recapito (ma anche di altri disguidi, come ad esempio nell'ipotesi in cui la domanda di abilitazione non sia stata accolta dal sistema perché i dati anagrafici non corrispondono a quelli presenti nell'Anagrafe Tributaria, o di problemi nella stampa della prima parte del codice Pin), l'interessato è tenuto a recarsi personalmente presso l'ufficio dell'Agenzia territorialmente competente, che provvede, previa identificazione, ad effettuare le operazioni necessarie per l'attribuzione di un nuovo codice PIN. Si ricorda che, qualora l'autorizzazione sia richiesta da soggetti diversi dalle persone fisiche, l'istanza va inoltrata via web dal rappresentante legale, il quale deve essere già registrato ai servizi telematici;
  2. per telefono: il codice PIN può essere richiesto al numero 848.800.444, seguendo le istruzioni fornite dal sistema;
  3. ufficio: è possibile recarsi presso gli uffici locali dell'Agenzia delle Entrate per ricevere le prime quattro cifre del codice PIN, la relativa password ed ogni altra informazione tecnica utile all'utente per poter ottenere la seconda parte del codice PIN.
I cittadini in possesso della Carta Nazionale dei Servizi, attivata dall'ente emettitore, e del relativo lettore, possono registrarsi a Fisconline con una procedura semplificata.

Analogamente a quanto prima illustrato, con riferimento al canale Entratel, anche le Persone Non Fisi>che abilitate al canale Fisconline effettuano l'invio delle dichiarazioni e degli altri documenti in formato >elettronico tramite persone fisiche incaricate ad operare in nome e per conto della società o dell'ente.

IL CODICE PIN PER I NON RESIDENTI

I contribuenti italiani, persone fisiche, non residenti nel territorio dello Stato, possono ottenere il codice PIN collegandosi al sito http://telematici.agenziaentrate.gov.it, cliccando sulla voce "Se non sei ancora registrato ai servizi" e scegliendo l'opzione per i residenti all'estero.

Copia della richiesta deve essere successivamente inoltrata, anche tramite fax, al Consolato competente, con la fotocopia di un valido documento di riconoscimento. Se la richiesta è riconosciuta valida, il Consolato, garantendo la riservatezza, recapita agli interessati un'apposita comunicazione, predisposta dall'Agenzia delle Entrate, che contiene la prima parte del codice PIN e la password per il primo accesso al sistema. Il contribuente accede nuovamente al sito http://telematici.agenziaentrate.gov.it per ottenere le rimanenti sei cifre e ricostruire, quindi, l'intero codice.

I cittadini italiani temporaneamente non residenti e non iscritti all'anagrafe consolare, per consentire la verifica della propria identità, devono recarsi personalmente al Consolato, dove esibiranno un valido documento di riconoscimento. L'autorità consolare, effettuati gli opportuni controlli, provvede ad attribuire la prima parte del codice PIN e la relativa password e a recapitarli al richiedente. A questo punto, il contribuente non residente può ottenere direttamente le restanti sei cifre, accedendo al canale Fisconline.

Le persone fisiche non residenti che non siano cittadini italiani possono chiedere on line il codice PIN solo se hanno un domicilio fiscale in Italia, presso il quale può essere recapitata la seconda parte; altrimenti possono rivolgersi ad un qualsiasi Ufficio dell'Agenzia delle Entrate.

IL CASSETTO FISCALE

Il cassetto fiscale è un servizio on line caratterizzato dalla massima trasparenza e da una forte interattività tra l'utente e l'Amministrazione finanziaria. Questo servizio permette ai contribuenti di consultare, direttamente da casa e in tutta sicurezza, le informazioni relative alle proprie posizioni fiscali.

Il servizio è attivo tutti i giorni, compresi i festivi, per l'intera giornata, salvo l'intervallo dalle ore 5:00 alle ore 6:00 di ogni mattino.

Per accedere al servizio Cassetto Fiscale occorre selezionare la voce omonima dal menù Consultazioni dell'area riservata del sito http:/telematici.agenziaentrate.gov.it.

Per consultare il Cassetto fiscale è necessario inserire, per gli utenti Fisconline, il codice PIN rilasciato dall'Agenzia delle Entrate, mentre per gli utenti Entratel deve essere inserito il codice personale desumibile dalla terza sezione della busta ricevuta in occasione dell'abilitazione al servizio.

I contribuenti, in pratica, attraverso il "Cassetto fiscale" possono interrogare l'Anagrafe tributaria chiedendo informazioni su:

Se l'utente dovesse riscontrare delle incongruenze nelle informazioni visualizzate, può prenotare un appuntamento con un funzionario dell'Agenzia e avere chiarimenti. È importante ricordare che i dati personali, presenti negli archivi dell'Agenzia delle Entrate, sono protetti per tutelarne la riservatezza e la possibilità di prenderne visione è riservata al diretto interessato.

Il Cassetto fiscale può essere utilizzato anche dagli intermediari firmatari di un'apposita convenzione con l'Agenzia delle Entrate, i quali possono ottenere informazioni anche sui dati fiscali dei propri clienti, previo conferimento di idonea delega da parte di questi ultimi. I professionisti delegati si impegnano ad osservare le misure di sicurezza e i vincoli di riservatezza previsti dalla normativa vigente.

Le modalità di adesione alla convenzione sono descritte nell'area riservata del sito web del canale Entratel.

ATTENZIONE Le indicazioni dell'Annuario potrebbero subire modifiche per effetto di provvedimenti successivi; controllarle seguendo i comunicati stampa e il sito Internet dell'Agenzia delle Entrate.

Menu immobiliare